Veglia d’Avvento con i giovani e il vescovo Valerio

Pubblicato giorno 4 dicembre 2019 - Attività parrocchiali, Educazione e spiritualità, Gruppo cresimandi, In home page, in primo piano

VA19

Sabato 30 novembre 2019, i cresimandi della nostra parrocchia hanno partecipato alla Veglia d’Avvento a Lugano, insieme con il Vescovo Valerio e con i giovani della Diocesi di Lugano.

Al centro della tradizionale serata di preghiera e riflessione, organizzata dalla Pastorale giovanile della nostra diocesi, è stato l’invito di Carlo Acutis: «Siate originali, non fotocopie!».

CA

Ai nostri cresimandi, ai giovani e a tutti i fedeli, che hanno riempito la Basilica del Sacro Cuore di Lugano, è stato proposto l’esempio del giovane Carlo Acutis, che ha vissuto la sua infanzia e adolescenza innamorato da Gesù Cristo e dal suo vangelo.

La testimonianza di Sidi Perin, il vice-postulatore per la causa di beatificazione di Carlo Acutis, ha familiarizzato tutti i presenti con la vita e la fede del giovane milanese Carlo; una fede vissuta con autenticità e convinzione, che lo rende modello per tutti gli adolescenti e i giovani che incominciano a conoscere Gesù e il suo vangelo d’amore.

Va1

La vita e la morte di Carlo sono state segnate dalla sua fede in Gesù e dal suo affetto per la presenza reale di Cristo nel Santissimo Sacramento dell’Eucaristia.

Carlo Acutis considerava l’Eucaristia “un’autostrada verso il cielo”. Quindi, alla fine della serata tutti i fedeli si sono inginocchiati in adorazione davanti a Gesù nell’Eucaristia e hanno ricevuto la benedizione eucaristica da parte del Vescovo Valerio.

va2

Ecco alcune testimonianze dei nostri cresimandi:

“Mi ha colpita molto il fatto che Carlo Acutis, anche se era in un momento difficilissimo della sua vita, ovvero il momento della sua malattia, aveva comunque un cuore pieno d’amore e di fede!” (A.V.)

“A me è piaciuta tanto la sua frase: «La nostra meta deve essere l’infinito; non il finito. Perché questa è la nostra vita e ognuno di noi non ha limiti se ha nel cuore Gesù».” (F.R.)

“A me è piaciuto molto la storia e le frasi di Carlo Acutis, ma la cosa che mi è piaciuta di più erano le risposte del padrino di Carlo, che sicuramente l’ha accompagnato bene sul cammino della sua crescita nella fede” (D.C.)

“È stato molto bello per me ascoltare la storia di Carlo, mi ha insegnato molte cose e, secondo me, a tutti ha insegnato qualcosa. Le mie emozioni erano un miscuglio di voglia di scoprire e anche di felicità, perché abbiamo vissuto un momento importante che non era mai capitato prima nella nostra vita.” (N.T)

“Mi ha colpito la forza d’animo di Carlo Acutis, come pure la sua fede e bontà anche durante la sua malattia. È sicuramente un grande esempio per noi ragazzi e per gli adulti” (A.M.)

“La parte che mi è piaciuta di più è stato quando rispondevano alle domande su Carlo. Mi è rimasto a cuore il fatto che lui non si preoccupasse di morire, ma piuttosto si preoccupava di andare da Dio.” (J.M.)

Album fotografico della Veglia d’Avvento (30.11.2019)

Messaggio del Vescovo Valerio per il tempo santo d’Avvento

VVav

Condividi su:   Facebook Twitter Google

Lascia un commento

  • (will not be published)