Quaresima 2022 prepararsi alla messa Incontro di Gesù con la Comunità _Chiesa di fratelli e sorelle. (da Servizio della Parola n.535/Ed. Queriniana.Brescia)

Pubblicato giorno 24 febbraio 2022 - Educazione e spiritualità

La Quaresima è tempo favorevole per riposizionare il cuore, riordinare la mente e riorganizzare la vita. Le celebrazioni di questo tempo ci presentano il grande desiderio di Dio di rinnovare con noi la sua alleanza. L’incarnazione del Figlio è il segno tangibile dell’amore misericordioso di Dio verso l’umanità intera, pienamente manifestato nel dono della vita fino alla morte in croce. Questo percorso diventi una scintilla per riaccendere nelle comunità parrocchiali il desiderio di pregare insieme. La parola di Dio, ascoltata, meditata e trasformata in preghiera attraverso i segni realizzati con semplicità e cura, dia a tutti un impulso per accogliere nuovamente l’alleanza con il Signore e con i fratelli.

Mercoledì delle Ceneri: Riposizionare il cuore. La Quaresima è spazio spirituale in cui volgere il proprio cuore al cuore di Dio che ci chiama. Solo se rivolto al Padre, nello Spirito di Gesù, ogni gesto di carità (preghiera, digiuno ed elemosina) potrà essere un vero gesto di conversione.

1a domenica di Quaresima: Il deserto, luogo sicuro. Il deserto è luogo di tentazione e di alleanza. Gesù conferma il proprio rapporto col Padre vincendo le tentazioni del diavolo, aprendosi alla sua missione salvifica quale «Figlio amato».

2a domenica di Quaresima: Guardare, vedere, riconoscere. La liturgia della Parola pone al centro il tema del vedere negli eventi della storia i segni dell’alleanza di Dio con il suo popolo: dal dono della terra e della discendenza ad Abramo, fino al dono del Figlio, compimento delle promesse antiche, a tutta l’umanità.

3a domenica di Quaresima: Chiamati e attesi, con pazienza. La vita del credente si svolge sempre  nell’appello di Dio alla conversione e l’accoglienza da parte dell’uomo aspettando da ognuno, come da un albero curato e custodito, i frutti dell’amore.

4a domenica di Quaresima: Le cose di oggi e le cose di prima. Dalla vicenda d’Israele alla futura nuova creazione, la storia guidata dalla mano di Dio è sempre rilanciata in avanti, l’agire divino rinnova tutte le cose. La novità, avvenuta nella storia di Gesù, rivela la misericordia del Padre, che accoglie e “riveste” il peccatore convertito.

5a domenica di Quaresima: Chi sogna il compimento, vede con gli occhi di Dio. La Pasqua  ci invita a riconoscere con occhi nuovi la presenza di Dio nella storia, del suo amore che accoglie il peccatore e chiede una costante dedizione da parte del credente.

Domenica delle Palme: Un mondo al contrario. La rivelazione di Dio,  trova origine e compimento nella passione e morte di Gesù. Il Vangelo di Dio si manifesta nell’umiliazione e nella sofferenza di colui che, affidandosi al Padre, apparirà come il Figlio nella gloria della risurrezione